Finalità

La Fondazione persegue, senza scopo di lucro, la promozione della cultura e dell’arte, curando la diffusione della musica e delle attività teatrali, nonché la conseguente educazione della collettività stimolando i cittadini, e in particolare i giovani, a esperienze e percorsi culturali formativi e di crescita. La Fondazione si propone di promuovere, sostenere e incrementare le attività del Teatro Donizetti, assumendo in via prioritaria il compito di riportare alla sua completa funzionalità il Teatro.

Gli organi della Fondazione

Presidente:

Dott. Giorgio Berta

Revisore legale:

Dott. Fabio Sannino

Consiglio di Amministrazione:

Presidente Dott. Giorgio Berta

Vice Presidente Dott. Guido Venturini

Consigliere Sig. Emilio Bellingardi

Consigliere Dott. Enrico Fusi

Consigliere Dott. Alfredo Gusmini

Consigliere Dott. Gianni Pagnoncelli

Consigliere Dott. Giovanni Thiella

Consiglio dei donatori:

Presidente Sig. Roberto Sestini

Vice Presidente Dott.ssa Simona Bonaldi

Consigliere Dott. Gualtiero Baresi

Consigliere Sig. Emilio Bellingardi

Consigliere Sig.ra Giovanna Terzi Bosatelli

Consigliere Avv. Laura Colnaghi Calissoni

Consigliere Dott. Alfredo Gusmini

Consigliere Comm. Angelo Piazzoli

Consigliere Dott. Antonio Punziano

Consigliere Sig. Maurizio Radici

Consigliere Sig. Roberto Sancinelli

Lo statuto

La “Fondazione Teatro Donizetti di Bergamo” persegue, senza fine di lucro, la promozione della cultura e dell’arte.

La storia del teatro

Il Teatro Donizetti di Bergamo viene inaugurato nel 1791 come Teatro Riccardi, dal nome del suo costruttore. È il primo teatro in muratura della città e uno dei primi in tutta Italia. La sua sala è tra le più grandi a livello nazionale.
A inizio Ottocento viene ricostruito dopo un incendio che lo aveva distrutto nel 1797.

Nel 1897 il Teatro Riccardi diventa Teatro Gaetano Donizetti: viene rifatta la facciata e gli interni arricchiti con l’arioso affresco di soggetto mitologico della volta, opera di Francesco Domeneghini, decoratore di teatri famoso in tutto il mondo.

Accanto agli spettacoli tradizionali il Teatro Donizetti ospita anche un nuovo tipo di spettacolo, il cinematografo. Nel Novecento continua la proposta di teatro di prosa e opere liriche, eseguite spesso con i migliori direttori d’orchestra e i migliori cantanti.

A partire dal 1946 vengono portati avanti ulteriori lavori di completamento e rinnovamento. All’inizio degli anni ’60 il Teatro viene chiuso per lavori particolarmente importanti e riaperto ufficialmente al pubblico il 10 ottobre 1964.
Gli ultimi interventi straordinari risalgono al 1982, quando viene realizzato il ridotto.

Il Teatro oggi ospita un ampio ventaglio di spettacoli e manifestazioni: una stagione lirica, una di prosa, oltre a festival jazz, di operette e di balletto, il tutto organizzato daL Comune. Una prestigiosa presenza fissa è pure quella del Festival Pianistico Internazionale Brescia-Bergamo. Nel Teatro si svolgono, infine, eventi e manifestazioni di altro genere.

Il Teatro Donizetti è uno dei 28 “Teatri di Tradizione”, presenti sul territorio nazionale e riconosciuti come tali dal Ministero dei Beni e Attività Culturali. Questi Teatri hanno il compito di promuovere, agevolare e coordinare le attività musicali, in particolare liriche, nel territorio delle rispettive province.